Arriva il farmaco per dimagrire: spiraglio di luce per le persone obese

Si parla molto in quest’ultimo periodo di un farmaco che sembra contribuire a contrastare l’obesità: di cosa si tratta, i dettagli

La nostra salute passa anche e soprattutto attraverso il cibo, questo lo sappiamo bene. Uno stile di vita sano, un’alimentazione equilibrata, l’attività sportiva, sono tutti punti fondamentali da non trascurare per il nostro benessere. In questo periodo si sente molto parlare di un farmaco che sarebbe in grado di aiutare a contrastare l’obesità: cosa c’è da sapere, i dettagli.

farmaco peso cosa sapere
Il farmaco che aiuterebbe a perdere peso: cosa sapere (ricette.eu)

Un grave sovrappeso può portare a seri rischi per la salute del nostro organismo. Può essere causato da una patologia o da una cattiva alimentazione o anche da questi due fattori coadiuvati. In questi casi, solo un medico esperto potrà seguirci al meglio per darci una mano a rimetterci in forma e scongiurare problematiche serie. Cosa sappiamo a proposito del nuovo farmaco che sembra spopolare?

Il farmaco che aiuterebbe a dimagrire: può essere uno spiraglio di luce contro l’obesità?

Ricordiamo che nessuno può semplicemente consigliarci di assumere un farmaco, questa è una precisazione doverosa. Solo i medici sanno qual è la scelta giusta a seconda della nostra situazione di salute, del nostro stile di vita e di una serie di fattori soggettivi. Andremo dunque solo a descrivere questo nuovo farmaco di cui si sente tanto parlare.

farmaco obesità dieta peso
Tutti parlano di questo farmaco: può davvero aiutare a combattere l’obesità? (ricette.eu)

Il suo nome è “Semaglutide” e, secondo quanto si apprende da “AGI”, sarebbe nato come un farmaco pensato per il diabete. A quanto pare, però, negli Stati Uniti sarebbero in molti a sfruttarlo per le sue proprietà che sembrano contribuire a contrastare l’aumento di peso. In che modo? Tra le diverse capacità, sarebbe in grado di regolare il metabolismo e ridurre il senso di fame. In questo modo non dovremmo sentire il bisogno spasmodico di cibo e mangiare meno, limitando le calorie.

Come riportato dall’AGI, a parlarne è stato Marco Chianelli, che fa parte dell’Associazione Medici Endocrinologi. “Finché viene assunto, il farmaco mantiene la sua efficacia, non solo nella riduzione del peso corporeo” avrebbe spiegato. “Ma anche nel miglioramento di dislipidemia, ipertensione e glicemia, che aumentano il rischio cardiovascolare” avrebbe aggiunto. Pare, inoltre, che la sua efficacia sia di molto maggiore ai “vecchi farmaci”, quasi triplicata.

Sembra che l’Agenzia Italiana del Farmaco l’abbia già approvato nel nostro paese, sebbene non sia soggetto a prescrizione e quindi non è rimborsabile. Si tratta certamente di un passo avanti importante, ma dobbiamo sempre tenere a mente che prima di assumere qualsiasi tipo di farmaco, è necessario e fondamentale consultare il nostro medico.