Ghost Kitchen, nuova frontiera della ristorazione: ‘super business’ per il 2021

Must Try

Cosa sono le Ghost Kitchen e perché possono essere un investimento molto interessanti per i ristoratori nel 2021

Cosa sono le Ghost Kitchen
Ghost Kitchen: la nuova frontiera della ristorazione

Avete mai sentito parlare di Ghost Kitchen? Chi conosce un minimo di lingua inglese può fare semplicemente 2+2 ed andarsene per un’idea. Vogliamo spiegarvelo, però, dettagliatamente. Il motivo? Sono la nuova frontiera della ristorazione, oppure, andando leggermente più cauti, hanno ottime probabilità di diventarlo. In effetti, abbiamo assistito un po’ tutti a quello che è un cambiamento radicale nel mondo della ristorazione (e non solo, purtroppo) con l’avvento del Coronavirus. Niente più serate al ristorante. Tutto chiuso. I ristoratori si sono, ad un tratto, ritrovati a cadere in basso. Come giù da un burrone. E l’unico appiglio su cui hanno potuto contare è stato il delivery. Si sono tutti aggrappati a quest’ultima spiaggia. Quest’ultima speranza. Che però poi è diventata, forse anche per forza maggiore, il core business del locale.

Il cibo d’asporto ha preso il posto delle cene al ristorante. Delle posate d’argento, del tovagliolo di seta poggiato sulle gambe e dei camerieri che coccolavano i clienti in ogni forma possibile soddisfandone le richieste. Il Covid ci ha tolto il ristorante, ma non il cibo. Il cibo ha potuto viaggiare: no ai ristoranti aperti, ma sì all’asporto ed al delivery. Queste erano le indicazioni imposte dal Governo.

Ghost Kitchen: nuova frontiera della ristorazione?

Le Ghost Kitchen, per tradurre il termine letteralmente, sono cucine fantasma. Dati alla mano, senza troppi fronzoli, nel 2019 abbiamo assistito ad un boom impressionante del fatturato che è arrivato a 107 miliardi di dollari. Le stime parlano di un aumento del 56% rispetto all’anno precedente. Un incremento pazzesco che ha preso piede già da molto prima dell’inizio del Coronavirus.

Per cui, se vi state facendo due conti e state associando il boom delle Ghost Kitchen con l’inizio della pandemia, beh, non è proprio così. Perché i dati parlano di un ‘interesse’ abbastanza forte nei confronti di questo nuovo business nel campo della ristorazione iniziato già da molto prima.

Come funziona una Ghost Kitchen?

Immaginate un ristorante, ma senza sala. Difficile, possiamo capirlo. Ma provate a restare per un attimo concentrati soltanto sulla cucina che si muove a ritmi frenetici, ordine dopo ordine, comanda dopo comanda. Ordini e comande che arrivano direttamente dalle app che si trovano sugli smartphone degli utenti che scelgono il cibo da farsi portare a casa e che gli arriverà dopo pochi minuti. Più o meno, nel giro di mezz’ora, non di più.

Riders Ghost Kitchen
Riders: innovazione nel mondo del lavoro

E non parliamo soltanto di pizze e panini. Ma anche di piatti gourmet: dal ragù al baccalà su letto di purè di patate. Tutto confezionato con cura ed affidato ai Riders (altra innovazione nel mondo del lavoro che ha registrato un boom pazzesco negli ultimi tempi).

Punti di forza per l’imprenditore

Non ci saranno più i coperti perché il ristorante non avrà una sala. Una ghost kitchen potrà sorgere anche in un palazzo come tanti altri e il punto in cui sorgerà non sarà determinante. Per cui:

  • Non bisognerà cercare un luogo centrale per far sorgere il proprio business, quindi riduzione dei costi per l’affitto
  • Non dovrete cercare un posto che abbia nei pressi un parcheggio per i clienti, adesso sarete voi ad andare a casa loro
  • Non ci sarà bisogno di camerieri e personale di sala
  • Riduzione dei costi anche per bollette della luce: non ci sarà una sala da illuminare
  • Niente pianobar, altro costo eliminato
  • Niente lavapiatti

In effetti, le Ghost Kitchen sono un investimento interessante in tempi come questo soprattutto perché ora come ora non è possibile sedersi al ristorante. Ma possono esserlo anche in tempi più tranquilli, visti i costi fissi così ridotti.


Ultime ricette

More Recipes Like This