Conosci il vino Buttafuoco? Ecco perché si chiama così: storia incredibile!

Must Try

Conosci il vino Buttafuoco? Ecco perché si chiama così: la sua storia è davvero incredibile! Di sicuro, non riuscirai a crederci!

Hai mai assaggiato il Buttafuoco? Per chi non lo conoscesse, si tratta di un vino tipico dell’Oltrepò Pavese, il cui nome affonda le proprie origini all’epoca della Seconda Guerra d’Indipendenza italiana (1859). La sua storia ha davvero dell’incredibile, impossibile non rimanere a bocca aperta!

vino buttafuoco
Vino rosso (pixabay)

Prima, però, di tornare indietro nel tempo e di scoprire le ragioni di questo nome tanto curioso, cerchiamo di capire meglio quali sono le caratteristiche di questo vino unico. Ecco cosa c’è da sapere a riguardo.

LEGGI ANCHE: Hai mai sentito parlare del Sangue di Giuda? L’antica leggenda: cos’è e perché si chiama così

Le caratteristiche enologiche

Come abbiamo anticipato fin dall’inizio del nostro articolo, il Buttafuoco è un vino tipico dell’Oltrepò Pavese che si ottiene a partire dall’unione di alcuni vitigni diversi. Vale a dire CroatinaBarberaUva Rara e Ughetta di Canneto. È prodotto specialmente nelle zone di Broni, Canneto Pavese, Castana, Cigognola, Montescano, Pietra de’ Giorgi e Stradella. Per quanto riguarda invece le sue caratteristiche enologiche, si tratta di un vino dal colore rosso rubino, che si presenta al naso con dei netti sentori di frutta rossa, talvolta anche speziati. In bocca è corposo, pieno, equilibrato e persistente ed è perfetto da abbinare a carni rosse lesse e brasate e alla selvaggina. Ma cerchiamo di conoscere meglio la sua incredibile storia.

LEGGI ANCHE: Il profumo di mele uscirà dal forno e inonderà la cucina: questi dolcetti sono deliziosi

Conosci il vino Buttafuoco? Ecco perché si chiama così

Secondo quanto si racconta, sembra che il vino Buttafuoco intrecci le sue origini con la storia di un gruppo di marinai dell’Imperiale Marina Asburgica. Si tramanda, infatti, che a questi fosse stato affidato il compito di traghettare degli altri soldati da una riva all’altra del Po, ma non contenti della loro missione i marinai decisero di trovare rifugio in una cantina tra le colline sopra Stradella e lì si ubriacarono con un vino rosso che faceva bruciare la bocca.

vino buttafuoco
Vigneti (pixabay)

LEGGI ANCHE: Cosa cucinare a Sant’Ambrogio: dall’antipasto al dolce, ecco alcune idee per il menu

Ecco perché questa bevanda alcolica così corposa si chiama di fatto Buttafuoco. Ma non finisce qua, perché secondo alcune voci pare proprio che dopo qualche anno dall’incredibile episodio l’Impero Austriaco abbia inoltre varato un poderoso veliero da guerra dal nome Buttafuoco. Una semplice coincidenza? A voi la risposta!

Ultime ricette

More Recipes Like This