“Pasta a 2 euro al chilo”, cosa c’è da sapere sull’aumento dei costi, i dettagli

Must Try

Le famiglie italiani si trovano a fare i conti non solo con l’aumento delle utenze, ma anche dei prodotti: “pasta a 2 euro al chilo”

Abbiamo vissuto e stiamo vivendo una profonda crisi economica che ha segnato profondamente le famiglie italiane. Dallo scorso anno gli aumenti delle utenze, coadiuvato a quelli di alcuni prodotti anche di prima necessità, gravano sull’economia domestica. “Pasta a 2 euro al chilo”, cosa c’è da sapere sull’aumento dei costi, i dettagli.

pasta aumento prezzo
pasta costo aumento ricette.eu

Tra i prodotti alimentari più consumati in Italia c’è sicuramente la pasta. Siamo un paese che da tradizione la porta in tavola quasi ogni giorno, condita in modo sempre diverso e saporito. Basti pensare anche alle ricette più semplici, come gli spaghetti aglio e olio, uno dei piatti economici e squisiti che spesso fanno capolino nel nostro menu.

A preoccupare, però, è l’impennata dei prezzi a cui stiamo assistendo. Andiamo a scoprire cosa si apprende da “Il Corriere della Sera” in proposito.

Aumento della pasta, fino a 2 euro al chilo: perché il prezzo sale esponenzialmente

Ce ne saremo resi conto tutti, camminando tra gli scaffali di negozi e supermercati. Il costo dei prodotti aumenta e a saltare all’occhio è soprattutto quello della pasta. Ne ha parlato in modo approfondito il “Corriere della sera”, vediamo i dettagli.

Citando un’analisi de “Il Salvagente”, è emerso che, in confronto ai prezzi registrati nel 2020, c’è stata un’impennata importante. Basti pensare che il settore agricolo ha visto crescere costi e prezzi di circa il 30% in un solo anno.

pasta aumento prezzi
prezzo pasta ricette.eu

Alla base di questa impennate ci sono una serie di cause. L’aumento dei costi delle materie prime e di quelle di produzione, la crisi energetica che stiamo vivendo. Si stima che solo tra Luglio 2021 e Luglio 2022 ci sia stato un rialzo del prezzo medio della pasta da 1,42 euro a 1,84.

Il “Corriere della Sera” prende ad esempio gli spaghetti, uno dei formati preferiti dalle famiglie italiane. Sempre basandosi sull’analisi de “Il Salvagente” stimata sui dati Ismea, si è fatto un confronto tra il 2022 e oggi. Iniziando dalla Barilla, marchio celebre e amatissimo: nel 2020 una confezione di spaghetti costava circa 1,72 euro, oggi invece siamo circa a 2,03. Aumenti anche per De Cecco, Rummo e in particolar modo per “La Molisana”.

Non sono esclusi, tuttavia, da questa impennata, nemmeno i discount. Basti pensare alla Coop che ha visto un passaggio da 1,38 euro circa a 1,84 euro al chilo. E, ricordiamo, si tratta di un prodotto che nel nostro Paese è considerato irrinunciabile dalle famiglie italiane.

Una situazione che, per il momento, non sembra accennare a migliorare e di cui avremo modo di comprendere sviluppi ed eventuali cambiamenti solo nel corso dei prossimi mesi. Nella speranza di un ridimensionamento dei costi in favore delle famiglie.

Ultime ricette

More Recipes Like This